Bamibini e karate"Dal Dojo alla Famiglia alla Società": il progetto di Karate promosso da LTBF Onlus per bambini diversamente abili

 

Roma – venerdì 27 maggio 2011. Al Festival del Fitness 2011 presso il Foro Italico (Roma), lo stand di Learn To Be Free Onlus, partner solidale della manifestazione sportiva, si trasformerà in un dojo grazie all’esibizione di Karate di tanti piccoli discepoli di arti marziali. La dimostrazione, prevista per sabato 4 maggio, fa parte del progetto di Karate “Dal Dojo alla Famiglia alla Società”, promosso da LTBF Onlus e ideato da Mark Palermo, neurologo e psichiatra, e Massimo Di Luigi, maestro di cintura nera e direttore tecnico della FIAM (Federazione Italiana di Arti Marziali).

Il progetto sostiene il Karate come strumento terapeutico per la risoluzione di problematiche legate all’età evolutiva ed adolescenziale, come ADHD (Sindrome da Deficit di attenzione ed iperattività), autismo, fobia sociale, aggressività e depressione. Il Karate aiuta anche a sviluppare l’equilibrio posturale e mentale di bambini diversamente abili, a individuare un obiettivo e a raggiungerlo, evitando cali di concentrazione e distrazione.

Tutto questo avviene nel dojo, termine che in Occidente indica “palestra”, mentre in giapponese è il luogo dell’equilibrio psicofisico per eccellenza. E la ricerca di equilibrio avviene non solo in un luogo adibito ad hoc per l’allenamento sportivo, ma anche in famiglia, destinatario fondamentale del progetto “Dal Dojo alla Famiglia alla Società”. Il Karate aiuta, infatti, i genitori ad acquisire gli strumenti utili per affrontare le problematiche psico-fisiche legate alla crescita.

L’incontro verrà ripreso dalle telecamere della web tv Webtobefree e sarà visibile su WtbfSport, il canale dedicato al mondo dello sport e alle manifestazioni sportive.

 

Scritto da Graziana Lamesta