Traversata del Mare Adriatico: dichiarazione di Irene Pivetti 

Traversata dell'AdriaticoBari - Mercoledì 31 agosto 2011. «LTBF Onlus, promotrore della Prima Traversata a nuoto no stop del mare Adriatico, è un’associazione a finalità sociale il cui obiettivo è promuovere l’occupazione, in particolare per soggetti svantaggiati. La nostra onlus ha molto a cuore anche la promozione dello Sport come veicolo di valori positivi e universali. La Traversata dell’Adriatico vuole essere innanzitutto un forte segnale di pace e di amicizia tra i popoli del Mediterraneo, oggi martoriato da diversi conflitti. Importante è sottolineare che l’evento sportivo è un’occasione di collaborazione e amicizia tra due nazioni, Italia e Albania, che hanno saputo superare una profonda crisi come  quella degli sbarchi di profughi albanesi  sulle nostre coste, creando rapporti di collaborazione e reciproco sviluppo. Ricordiamo che la Puglia ha avuto la stima di tutto il mondo per il modo in cui ha gestito quella drammatica crisi, di cui quest’anno ricorre il ventennale. Ringrazio il Comune di Bari, nella persona dell’Assessore allo Sport Elio Sannicandro, per il sostegno alla nostra iniziativa,

 con l’auspicio che l’impresa di Massimo Voltolina possa essere di buon auspicio per future collaborazioni di sostegno allo Sport tra la Puglia e l’Albania. Il mio sentito ringraziamento va altresì alle nostre rappresentanze diplomatiche in Albania, il Consolato Generale d’Italia a Valona nella persona del Console Sergio Strozzi e S.E. l’Ambasciatore d’Italia a Tirana Saba D’Elia, che tanto ci stanno sostenendo in collaborazione con S.E.l’Ambasciatore della Repubblica d’Albania  in Italia Llesh Kola e  con il Ministero del Turismo, Cultura, Gioventù e  Sport albanese.»