Inaugurato il campo sportivo di San Gregorio, distrutto dal terremoto che colpì l'Abruzzo. LTBF Onlus ha partecipato alla ricostruzione

La speranza rinasce in tanti modi, con un gesto, un aiuto inaspettato, quando si ha la percezione di non essere lasciati soli, perchè è tanta la fatica quotidiana di chi non si arrende, neanche davanti ad una grande tragedia come quella di un terremoto che ha distrutto tante vite umane, ferito un’intera regione e il suo capoluogo, L’Aquila. La speranza oggi rinasce a San Gregorio, piccolo paesino in provincia dell’Aquila, grazie allo sport: è stato inaugurato il nuovo centro sportivo dell’ADS San Gregorio, squadra di venticinque giocatori nati nell’area più colpita dalla tragedia, vicino Onna. L’area verde del campo da gioco andò distrutta e quasi smantellata per far posto alle tendopoli, per questo la squadra non potè allenarsi. Da allora è stata forte la volontà di non arrendersi e di ricominciare a giocare, per ricostruire, attraverso il campo, anche un’importante spazio di relazione, di gioco, un’occasione di incontro tra i giovani della zona. E così è iniziata una gara di solidarietà e di impegno da parte dell’Istituzioni e di tante realtà associative e di beneficenza che hanno voluto dare il loro contributo. LTBF Onlus in questi anni è stata accanto ai ragazzi di San Gregorio, contribuendo con iniziative di solidarietà alla ricostruzione del campo sportivo che oggi è stato ribattezzato con il nome di Davide e Matteo Cinque, due bambini rimasti uccisi sotto le macerie con la loro mamma. Ora l’ADS San Gregorio, prima categoria della Lega Nazionale Dilettanti, può ricominciare a giocare, a correre, a sperare.