Il romanzo Le nebbie di Vraibourg di Veronica Elisa Conti di Città di Castello (Pg), edito da MUP - Monte Università Parma, è stato presentato giovedì 28 giugno, alle ore 11.00, a Fandango Incontro (Via dei Prefetti, 22 – Roma). Alla presentazione, sono intervervenuti Irene Pivetti, Presidente di Learn To Be Free Onlus e Presidente della giuria del Premio, Luigi Lucchi, Sindaco di Berceto,città natale di Luigi Malerba, Anna Malerba, Presidente onorario della giuria del Premio, Alessandro Occhipinti, Segretario Generale FUIS, Maurizio Dodi, Consigliere d’amministrazione di MUP Editore.

A discutere del libro con l’autrice l’autore e giornalista Guido Barlozzetti. La giuria (composta da Guido Barlozzetti, Manuela Cacchioli, Margherita Heyer Caput, Paolo Mauri, Walter Pedullà, Lorenza Reverberi, Giovanni Ronchini, Franco Scaglia, Ornella Scarpellini, una classe del Liceo Classico Romagnosi di Parma, presieduta da Irene Pivetti con la presidenza onoraria di Anna Malerba) nell’anno riservato alla narrativa, ha premiato il romanzo Le nebbie di Vraibourg, da luglio in libreria.

Il romanzo Le nebbie di Vraibourg narra la storia del diciottenne Etienne Dorin che, dopo essere cresciuto in un collegio, viene assunto dal nobile Tancrède Des Essarts come istitutore del figlio. Arrivato al castello della Guyenne, il giovane viene presto invischiato nei misteri che avvolgono il piccolo paese normanno di Vraibourg. A rendere più difficile la ricerca della verità è Dorian, figlio di Des Essarts, che fugge sempre dalle lezioni per nascondersi, “animale immemore”, tra le ombre del bosco che circonda il castello, rifugiandosi in un buio che protegge e consola dalla consapevolezza di essere un ragazzo, dicono in paese, toccato da Dio.

In un inquietante scenario, intessuto di falsità e inganni, si muovono i personaggi de Le Nebbie di Vraibourg, avvinti da una caleidoscopica catena di eventi e intrecci imprevedibili. Un romanzo sull’ambiguità che si macchia del sangue della vendetta; una celebrazione gotica del rancore quando si arma di fine e diabolica astuzia. C’è tempo fino al 25 luglio per partecipare alla terza edizione del Premio Luigi Malerba che nel 2012 è dedicato alla sceneggiatura originale inedita. Il  Premio Letterario Luigi Malerba è rivolto a tutti coloro che, in Italia e all’Estero scrivano in lingua italiana.

La sceneggiatura, dovrà essere in formato americano, di lunghezza non inferiore alle 80.000 battute e non superiore alle 380.000 battute spazi inclusi. La sceneggiatura selezionata dalla giuria di esperti (tra i quali Giuliano Montaldo, Irene Bignardi, Michele Guerra, Roberto Gambacorta, Roberto Nobile) sarà pubblicata da MUP Editore e distribuita nell’estate del 2013.

Per maggiori informazioni e per scaricare il bando di concorso completo è possibile consultare il seguente sito.